"Qualcuno ti chiede una mano e si prende il braccio, noi ti chiediamo un braccio solo per dare una mano"

Giornate per la donazione del sangue: 7 marzo

Annegamento
Asma
Avvelenamento
Colpo di sole
Colpi alla testa
Coma diabetico
Congelamento
Convulsioni dei bambini
Crampi
Denti
Disidratazione
Distorsioni
Dolori addominali
Epistassi
Febbre
Ferite
Folgorazione
Frattura delle ossa
Ictus
Inalazione di gas
Infarto cardiaco
Intossicazione
Iperventilazione
Morsi di animali
Occhi
Orecchi
Parto
Puntura di insetto
Schegge
Shock
Strappo muscolare
Svenimento
Ustioni

Cristiana Capotondi per AVIS

 

Cosa fare se...

_______________|Congelamento|

Il congelamento si verifica quando una parte del corpo (in genere sono più facili al problema le dita di mani e piedi, il naso e le orecchie) si raffredda fino al punto che i liquidi in essa contenuti ghiacciano.
Inizialmente il congelamento si manifesta con un rossore intenso della pelle accompagnato da un dolore acuto, simile a una puntura di spillo. In breve tempo la pelle da rossa diventa bianco-giallastra, fredda e priva di sensibilità. In alcuni casi sulla parte interessata si formano delle vescicole. Nello stadio avanzato il dolore scompare, in quanto il congelamento provoca la scomparsa della sensibilità della zona colpita. È proprio questo il motivo per cui molte persone non si rendono conto del problema se non viene loro segnalato da qualcuno che si accorge del mutato aspetto di una determinata zona del corpo.
Come trattamento immediato è importante coprire le parti congelate con indumenti caldi, possibilmente di lana. Se si tratta delle dita delle mani si può tentare di riscaldarle il più possibile ponendole sotto le ascelle. Le parti colpite non devono in nessun caso essere strofinate o sfregate.
La persona deve recarsi immediatamente in un ambiente chiuso e ben riscaldato. Le parti congelate devono essere immerse in acqua moderatamente calda (intorno ai 37-38 gradi, in pratica come la temperatura del corpo). L'acqua bollente, invece, fa peggiorare la situazione. Vietato anche esporre la parte colpita a fonti di calore diretto quali stufe, caloriferi, fiamma del caminetto: non bisogna infatti dimenticare che la persona non ha più la sensibilità della parte e quindi potrebbe ustionarsi senza rendersene conto.
I bagni in acqua calda devono proseguire fino a quando la pelle non avrà recuperato il suo naturale colorito rosato e una certa sensibilità. Contemporaneamente è bene porgere alla persona una bevanda calda (tè, caffè) non alcolica. Le parti congelate non devono essere nuovamente esposte al freddo per qualche tempo: se la persona dovesse uscire, è necessario che le copra bene con più indumenti sovrapposti. Il medico deve essere chiamato in ogni caso, anche se la situazione pare evolvere per il meglio.
Nei casi più seri, il congelamento porta alla morte dei tessuti colpiti: in questa circostanza la parte colpita assume un colorito nerastro. Se così fosse è indispensabile coprire bene la persona e accompagnarla subito al Pronto Soccorso.


>>Home Page AVIS Nazionale <<

>>Home Page AVIS Regionale <<

>>Home Page AVIS Provinciale <<


Scarica il modulo per diventare

volontario!



Visitaci anche su:

 


Avis Uri - Via Sassari n. 28 - 07040 Uri (SS) - Tel./Fax: Tel.: 079/419777 - Fax.: 079/4817133 - E-mail: avis.uri@pec.sardegnasolidale.it - avis.uri@tiscali.it