"Qualcuno ti chiede una mano e si prende il braccio, noi ti chiediamo un braccio solo per dare una mano"

Giornate per la donazione del sangue: 7 marzo

Annegamento
Asma
Avvelenamento
Colpo di sole
Colpi alla testa
Coma diabetico
Congelamento
Convulsioni dei bambini
Crampi
Denti
Disidratazione
Distorsioni
Dolori addominali
Epistassi
Febbre
Ferite
Folgorazione
Frattura delle ossa
Ictus
Inalazione di gas
Infarto cardiaco
Intossicazione
Iperventilazione
Morsi di animali
Occhi
Orecchi
Parto
Puntura di insetto
Schegge
Shock
Strappo muscolare
Svenimento
Ustioni

Cristiana Capotondi per AVIS

 

Cosa fare se...

_______________|Epistassi|

La fuoriuscita improvvisa di sangue dal naso può essere causata da un colpo violento al naso o alla testa, da un raffreddore molto forte (che costringe a soffiarsi il naso ripetutamente e vigorosamente), da un polipo nasale, oppure può dipendere da alcune malattie in atto quali ipertensione, disturbi di cuore, malattie renali, ma anche della banale influenza. Nei bambini non è mai un sintomo grave, per cui è sufficiente fermare l'emorragia senza preoccuparsi più di tanto. Negli adulti e nelle persone anziane può invece essere il segnale di qualche grave alterazione a carico dell'organismo, per cui richiede l'immediato trasporto al Pronto Soccorso.
Se si tratta di un bambino bisogna agire subito per arrestate l'uscita del sangue: il piccolo va fatto sedere con la testa piegata in avanti e la bocca aperta, per evitare che il sangue uscente ostacoli la respirazione.
È molto importante inoltre che il sangue non venga inghiottito: se entra in bocca deve essere subito sputato, altrimenti potrebbe provocare nausea e vomito. Se è possibile, è bene porre del ghiaccio sulla fronte. Con le dita bisogna afferrare le narici del bambino esercitando una vigorosa compressione per circa dieci minuti, trascorsi i quali si può allentare la presa. Nel caso in cui il sangue continui a fluire, è necessario ricominciare a stringere le narici con una certa forza per altri dieci minuti. Una volta arrestata l'emorragia, è importante che il piccolo non si tocchi o, peggio, si soffi il naso almeno per quattro-cinque ore, visto che qualunque stimolo potrebbe far ricomparire il problema. In nessun caso si deve introdurre nel naso cotone idrofilo o peggio cotone emostatico. Dopo l'episodio è comunque consigliabile far visitare il bambino da un medico.
Se l'epistassi si manifesta in un adulto non bisogna invece fare nulla per fermare l'emorragia, soprattutto se la persona soffre di pressione alta. Le uniche due cose da fare sono: far sputare il sangue che accidentalmente entra in bocca durante l'emorragia e accompagnare prontamente l'ammalato al Pronto Soccorso.


>>Home Page AVIS Nazionale <<

>>Home Page AVIS Regionale <<

>>Home Page AVIS Provinciale <<


Scarica il modulo per diventare

volontario!



Visitaci anche su:

 


Avis Uri - Via Sassari n. 28 - 07040 Uri (SS) - Tel.: 079/419777 - Fax.: 079/419044 - E-mail: presidenza@pec.avis-uri.it - avis.uri@tiscali.it