"Qualcuno ti chiede una mano e si prende il braccio, noi ti chiediamo un braccio solo per dare una mano"

Giornate per la donazione del sangue: 7 Marzo

Annegamento
Asma
Avvelenamento
Colpo di sole
Colpi alla testa
Coma diabetico
Congelamento
Convulsioni dei bambini
Crampi
Denti
Disidratazione
Distorsioni
Dolori addominali
Epistassi
Febbre
Ferite
Folgorazione
Frattura delle ossa
Ictus
Inalazione di gas
Infarto cardiaco
Intossicazione
Iperventilazione
Morsi di animali
Occhi
Orecchi
Parto
Puntura di insetto
Schegge
Shock
Strappo muscolare
Svenimento
Ustioni

Cristiana Capotondi per AVIS

 

Cosa fare se...

_______________|Iperventilazione|

L'iperventilazione è la condizione in cui la persona avverte la sensazione di non avere abbastanza aria a disposizione (fame d'aria), per cui inizia a respirare affannosamente cercando di introdurre nei polmoni più aria che può.
Le cause di questa situazione hanno quasi sempre un'origine emotiva o psicologica: è facile infatti che cominci a iperventilare chi si trova sottoposto a grande tensione oppure chi vive un momento di forte emozione. Il problema in sé non è mai grave anche se l'ossigeno, entrando nei polmoni in quantità eccessiva, dopo un po' di tempo causa una contrazione e un irrigidimento dei muscoli, accentuando la sensazione di soffocamento. A questo punto è facile che si crei una sorta di circolo vizioso, per cui la persona invece di smettere di iperventilare continua a farlo con maggior vigore, peggiorando la situazione.
Un'iperventilazione protratta a lungo, oltre che provocare contrazioni muscolari, può anche dare luogo a una sensazione di stordimento e a formicolii agli arti, alle dita di mani e piedi, alle labbra e alla lingua.
Nel caso in cui si sia certi di trovarsi di fronte a un problema di iperventilazione si deve porre un sacchetto di carta (va bene quello del pane) sulla bocca e sul naso di chi sta iperventilando, in modo che vi respiri dentro. Così facendo la persona, invece di introdurre ossigeno nuovo, respira l'anidride carbonica, situazione che permette ai muscoli di rilassarsi.
La respirazione nel sacchetto deve protrarsi per circa un minuto ed alternarsi ad un minuto di respirazione all'aria, passato il quale si deve riprendere il sacchetto. In pratica, si deve respirare un minuto nel sacchetto e un minuto fuori dal sacchetto fino alla risoluzione della crisi. In genere nel giro di cinque sei minuti la situazione ritorna alla normalità. In caso contrario è necessario accompagnare subito la persona al Pronto Soccorso.
Nell'eventualità, peraltro rarissima, in cui la persona diventi cianotica non appena inizia a iperventilare è necessario chiamare l'ambulanza immediatamente, senza attardarsi con il metodo del sacchetto. In questo caso, infatti, l'iperventilazione non ha una causa di natura psicologica, ma probabilmente dipende da un'alterazione delle funzioni respiratorie, emergenza che può essere risolta solo in ambito ospedaliero.


>>Home Page AVIS Nazionale <<

>>Home Page AVIS Regionale <<

>>Home Page AVIS Provinciale <<


Scarica il modulo per diventare

volontario!



Visitaci anche su:

 


Avis Uri - Via Sassari n. 28 - 07040 Uri (SS) - Tel.: 079/419777 - Fax.: 079/419044 - E-mail: presidenza@pec.avis-uri.it - avis.uri@tiscali.it