"Qualcuno ti chiede una mano e si prende il braccio, noi ti chiediamo un braccio solo per dare una mano"

Giornate per la donazione del sangue:7 Marzo

Annegamento
Asma
Avvelenamento
Colpo di sole
Colpi alla testa
Coma diabetico
Congelamento
Convulsioni dei bambini
Crampi
Denti
Disidratazione
Distorsioni
Dolori addominali
Epistassi
Febbre
Ferite
Folgorazione
Frattura delle ossa
Ictus
Inalazione di gas
Infarto cardiaco
Intossicazione
Iperventilazione
Morsi di animali
Occhi
Orecchi
Parto
Puntura di insetto
Schegge
Shock
Strappo muscolare
Svenimento
Ustioni

Cristiana Capotondi per AVIS

 

 

Cosa fare se...

_______________|Morsi di animali|

Un morso di animale, qualunque esso sia (cane, gatto, topo, criceto, porcellino d'India, scoiattolo), non deve mai essere sottovalutato in quanto può essere responsabile, oltre che della lesione alla pelle, anche di severe infezioni, quali la rabbia o il tetano.
Il trattamento immediato di un morso di animale (ma anche del graffio di un gatto) deve essere volto a pulire la ferita il meglio possibile. La parte lesionata deve essere messa sotto l'acqua corrente, insaponata più volte quindi sciacquata abbondantemente e disinfettata con acqua ossigenata. Deve essere poi protetta con una garza sterile: a questo punto la persona va condotta al Pronto Soccorso, dove eventualmente verrà effettuata la vaccinazione antitetanica.
In caso di morso di vipera potrebbero essere necessari la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco. Molto più spesso però la situazione non è così drammatica, anche se in ogni caso la persona prova un dolore intenso nella zona colpita, si sente debole e avverte una sensazione di nausea.
Se la respirazione e il battito cardiaco sono regolari non bisogna far altro che sdraiare la persona e legare un laccio attorno all'arto colpito, a distanza di circa cinque centimetri dal morso. Come laccio si può utilizzare una cintura morbida o una striscia di tessuto: l'importante è non stringere troppo per non ostacolare la circolazione. La parte morsicata deve essere posizionata al di sotto del livello del cuore, quindi sia le gambe sia le braccia non devono essere sollevate o fatte appoggiare a cuscini o ad abiti ripiegati. L'arto deve essere poi immobilizzato con una steccatura, per evitare che con il movimento si diffonda il veleno nell'organismo.
Non si deve invece applicare ghiaccio sulla ferita né fare un'iniezione di siero antivipera, in quanto la persona potrebbe essere allergica a questo preparato. L'infortunato deve essere accompagnato il prima possibíle al Pronto Soccorso: se si può è meglio trasportarlo a braccia fino all'automobile, perché è importante che non si affatichi in alcun modo. Per tranquillità è bene sapere che prima che il morso di vipera produca effetti gravi devono passare almeno due ore.


>>Home Page AVIS Nazionale <<

>>Home Page AVIS Regionale <<

>>Home Page AVIS Provinciale <<


Scarica il modulo per diventare

volontario!



Visitaci anche su:

 


Avis Uri - Via Sassari n. 28 - 07040 Uri (SS) - Tel.: 079/419777 - Fax.: 079/4190447 - E-mail: presidenza@pec.avis-uri.it - avis.uri@tiscali.it