"Qualcuno ti chiede una mano e si prende il braccio, noi ti chiediamo un braccio solo per dare una mano"

Giornate per la donazione del sangue: 7 Marzo

Annegamento
Asma
Avvelenamento
Colpo di sole
Colpi alla testa
Coma diabetico
Congelamento
Convulsioni dei bambini
Crampi
Denti
Disidratazione
Distorsioni
Dolori addominali
Epistassi
Febbre
Ferite
Folgorazione
Frattura delle ossa
Ictus
Inalazione di gas
Infarto cardiaco
Intossicazione
Iperventilazione
Morsi di animali
Occhi
Orecchi
Parto
Puntura di insetto
Schegge
Shock
Strappo muscolare
Svenimento
Ustioni

Cristiana Capotondi per AVIS

 

Cosa fare se...

_______________|Ustioni|

L'ustione è la lesione del tessuto provocata dal contatto con il calore o con particolari sostanze chimiche, quali gli acidi, gli insetticidi, i solventi. Le ustioni vengono divise in tre tipi, a seconda della loro gravità. Si è in presenza di un'ustione di primo grado (la più lieve) quando la pelle appare semplicemente arrossata e dà luogo a un dolore bruciante ma sopportabile; viene definita di secondo grado l'ustione che rende la pelle gonfia, dolente, arrossata e cosparsa di vescicole; si parla invece di ustione di terzo grado (la più severa) quando la pelle appare letteralmente carbonizzata.
Il trattamento d'urgenza delle ustioni deve essere volto a raffreddare la zona colpita: qualunque sia la serietà del danno, per prima cosa è necessario mettere la parte ustionata sotto l'acqua corrente fredda e lì lasciarla per almeno cinque minuti. In alternativa si può effettuare un impacco freddo, utilizzando un panno pulito imbevuto d'acqua. Se l'ustione è lieve questo trattamento risulta sufficiente per risolvere la situazione. È però opportuno rivolgersi al medico curante per fargli controllare la validità della vaccinazione antitetanica ed eventualmente per fargli effettuare un richiamo.
Se si è invece in presenza di ustioni molto più serie (di secondo e di terzo grado), dopo aver raffreddato la zona colpita con acqua è importante accompagnare subito la persona al Pronto Soccorso o chiamare un'ambulanza. Non bisogna in nessun caso applicare pomate o ghiaccio (l'unica cosa da mettere è l'acqua fresca).
Nel caso in cui gli abiti dell'ustionato siano rimasti attaccati alla pelle non bisogna far nulla per toglierli: solo un medico può condurre questa operazione senza provocare danno.
Se ci si trova nella situazione di dover soccorrere una persona avvolta dalle fiamme, bisogna innanzi tutto spegnere il fuoco, soffocandolo con una coperta o con un indumento sufficientemente ampio. L'infortunato in questo caso potrebbe aver bisogno di una respirazione bocca a bocca, quindi, una volta spente le fiamme, è necessario controllare subito che il respiro della persona sia regolare. Se è possibile, è opportuno applicare immediatamente su eventuali ustioni del viso un panno imbevuto di acqua fredda (non bisogna mai mettere ghiaccio). Naturalmente si deve chiamare al più presto un'ambulanza.


>>Home Page AVIS Nazionale <<

>>Home Page AVIS Regionale <<

>>Home Page AVIS Provinciale <<


Scarica il modulo per diventare

volontario!



Visitaci anche su:

 


Avis Uri - Via Sassari n. 28 - 07040 Uri (SS) - Tel.: 079/419777 - Fax.: 079/419044 - E-mail: presidenza@pec.avis-uri.it - avis.uri@tiscali.it